Bitcoin, 100mila euro rubati su una rete wireless pubblica

Cyber ladri avrebbero trasferito bitcoin per un valore superiore a 100mila euro (117mila dollari) dal conto di un uomo mentre era connesso alla rete wireless pubblica di un ristorante.

LA DICHIARAZIONE

Una dichiarazione della polizia austriaca ha detto che i bitcoin sarebbero stati spostati su un “account sconosciuto e non tracciabile” dopo che il non identificato 36enne ha effettuato il login a sud-est della città di Innsbruck per verificare il valore della sua moneta digitale. Secondo gli agenti non è chiaro se l’account della vittima fosse già stato violato prima di accedere alla rete non protetta.

LE PREOCCUPAZIONI SULLE CRIPTOVALUTE

Valute virtuali come Bitcoin ed Ethereum generano da tempo preoccupazioni sulla loro sicurezza, in particolare dopo il crollo del exchange Mt. Gox nel 2014. L’ex amministratore delegato della società, Mark Karpales, è attualmente sotto processo in Giappone, dove la società aveva sede principale, con le accuse di appropriazione indebita e manipolazione dei dati. Karpales ha accusato di quanto accaduto un gruppo di non identificati hacker.

L’ATTACCO IN COREA DEL SUD

Il più grande exchange di Ethereum e Bitcoin della Corea del Sud è stato vittima invece alla fine di giugno in un furto stimato a 1,2 miliardi di won, ovvero poco più di 1 milione di dollari. Mentre un uomo della Pennsylvania ha recentemente confessato di aver rubato 40 milioni di bitcoin.

LA SPERANZA SOPRAVVIVE

Nonostante i rischi, gli investitori continuano però a credere nelle opportunità date dalle valute digitali, i cui prezzi fluttuano selvaggiamente.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *